CanadaLavorare in Viaggio

Curriculum Canada – Il mio format

RESUMè PER BLOG

Mi avete chiesto in molti come ho fatto il mio curriculum per il Canada. Quindi invece di inviarvelo ad uno ad uno mi è sembrato piu giusto metterlo qui a disposizine di tutti.

Questo curriculum l ho creato con illustrator, ma per chi non fosse pratico di grafica può usare canva.com un sito molto carino dove potrete crearvi il vostro curriculum, ma non solo, ci sono un sacco di cose carine che si possono fare, dai bigliettini da visita alle pagine di copertina dei social.

Il mio non è un curriculum fatto perfettamente sul modello Canadese, nel senso che questo famoso modello di cui tutti parlano non è mai ben chiaro. Ho letto diversi siti prima di creare il mio resumè canadese (chiamiamolo col suo nome!) e ho deciso di tener conto di alcune cose e altre tralasciarle.

Principalmente a quanto pare su un Resumè per il Canada deve vedersi ben chiaro il proprio nome e cognome e a seguire un indirizzo emal, il numero di telefono e il paese di residenza.

Sembra non ci debba essere una foto, poco male, tanto non la metto neanche quando mando il curriculum in Italia. Non mi piace essere presa o non presa per la mia faccia.

Deve poi essere chiaro subito quali sono i nostri titoli di studio, le qualifiche, le nostre competenze personali e non. E ovviamente le nostre esperienze di lavoro!

Vi presento il mio Resumè, colui che mi ha fatto trovare lavoro in Canada direttamente dall’Italia.

Come potete vedere ho evidenziato tramite i colori le diverse sezioni, in alto quelle principali, sulla sinistra le mie abilità e i titoli di studio, nel centro i lavori svolti negli anni divisi per nazione, e in fondo un po di pubblicità al blog che non guasta mai e fa referenze 😉

In questo caso il lavoro che cercavo in Canada era un lavoro nelle farm, quindi questo curriculum è arrivato nelle mani di una farm di mele nel bel mezzo della Okanagan Valley. quindi ho cercato di dar piu spazio ai lavori svolti in Australia nelle farm e ho inserito per quanto riguarda i lavori italiani solo i piu validi e quelli svolti per piu tempo.

A prescindere dal paese in cui si spedisce un curriculum credo che essendo il proprio biglietto da visita, debba essere un po particolare, non sopporto i classici modelli italiani tutti uguali. Il curriculum mostra la propia personalità, il mio deve essere particolare, senza ombra di dubbio. Quando invio il mio curriculum mi immagino la persona che dall’altra parte lo riceve. Deve almeno dire “Che cazzo di curriculum è questo.” deve almeno fermasi un secondo, guardarlo e poi se gli sembra troppo stravagante cestinarlo, ma almeno so che l’ha guardato per 20 secondi! Quindi se vi devo proprio dare un consiglio… smettetela con i curriculum tutti uguali, seguendo lo standard italiano… e bla bla bla.

Ah! e non dimenticare, dopo aver allegato il resumè nella mail, di scrivere una lettera di presentazione, nella quali ribadisci quali sono le tue motivazioni per voler lavorare in quella ditta, farm, negozio o quelchessia!!! Poche righe niente di chè, ma se siete davvero motivate non avrete bisogno di pensarci molto 😉

SIATE UNICI, SIATE PARTICOLARI! IL CURRICULUM è IL VOSTRO BIGLIETTO DA VISITA! E TU SEI SICURO DI ESSERE UN FOGLIO BIANCO CON LE SCRITTE IN NERO?

Valentina
Innamorata dell'Australia e della Thailandia. Allergica alla frutta secca e intollerante a tante altre cose come alle persone maleducate. Mi piace viaggiare per lunghi periodi, con il volontariato o qualche lavoro a breve termine. Scrivo per ricordarmi le cose che faccio perchè ho una memoria orribile.

Leave a Response