Messico

La laguna dei 7 colori di Bacalar e come visitarla al meglio

La Laguna dei 7 colori di Bacalar fa parte di una falda acquifera molto grande che si estende quasi per tutta la lunghezza della penisola dello Yucatan. Questa enorme falda acquifera sotterranea fornisce acqua potabile a migliaia di residenti e turisti. La laguna è alimentata da una serie di grandi cenote e numerose sorgenti piu piccole e fu utilizzata per migliaia di anni come rotta commerciale tra le saline sulla sponda settentrionale dello Yucatan e le cave di pietra in Hoduras. Nel 1500 gli esploratori colonizzarono Bacalar e il forte fino a farla crescere ad oggi di 15mila abitanti.

La laguna di Bacalar vista dall’alto

Tour in barca sulla laguna

In centro e lungo la strada che costeggia la laguna a Bacalar ci sono diversi ragazzi che agli angoli delle strade aspettano i turisti per proporre gite in barca. Io ho deciso di rivolgermi all’unica postazione un po piu seria che ho trovato. Un banchetto con qualche depliant a disposizione proprio dietro il forte, propone gite in barca a 250 pesos a persona di circa 2 ore. Se siete in due magari riuscite anche a trovare dei tour per 200 pesos a testa se contrattate.

Un ragazzo è venuto a prenderci con la macchina e ci ha portato in un residence, dove le barche erano ormeggiate aspettando di iniziare il tour. La compagnia a cui mi sono affidata si chiama Cuco’sTour e le barche sono molto comode, spaziose e dotate di giubbottini salvagente.

In barca con Cuco’s Tours

Il nostro marinaio Mario ci ha portato a visitare le principali cenote che sfociano nella laguna, dalla profonda e inquietante cenote Negro, alla grandissima cenote Esmeralda e per poi passare alla cenote Cocalitos e fermarsi un ora nel canale dei Pirati per un bagno in quell’acqua incredibilmente pulita e turchese e ripassare vicino all’isola degli uccelli che però è un santuario e non ci si può avvicinare troppo per non disturbare gli animali. Mario ci ha raccontato in spagnolo tutto quello che c’è da sapere sulla laguna e le sue cenote.

Questo è stato uno dei piu belli ed economici tour che io abbia fatto negli ultimi tempi. Non solo abbiamo potuto ammirare davvero i 7 colori della laguna, ma abbiamo anche potuto rilassarci, cospargere il nostro corpo di argilla durante la sosta nel canale dei Pirati. Dicono non ci siano pesci nella laguna, ma io qualche pesce l’ho visto che mi passava di fianco noncurante di me.

 

Spiaggia privata sulla laguna

Un altro fantastico modo per godere della laguna, mettere i piedi in acqua seduti sull’erba e rilassarsi leggendo un buon libro è soggiornare al Yaxche Hostel.

Scopri di piu: BACALAR E L’OSTELLO CON LA SPIAGGIA PRIVATA SULLA LAGUNA

L’ostello di per sè è un posto carino, il personale è cordiale, le camere sono basiche ma funzionali, si trova praticamente in centro, ma è abbastanza spazioso da non essere uno di quegli ostelli pieni di gente a tutte le ore. Una navetta parte gratuitamente tutti i giorni dall’ostello per portare gli ospiti alla spiaggia privata che è davvero una figata!

E’ possibile anche dormire direttamente su quella spiaggia, sono collocate un paio di tende abbastanza grandi e vivibili proprio a due passi dall’acqua e c’è una casetta perfetta per 4 persone al prezzo di 1200 pesos a notte nel periodo di maggio.

La laguna dei 7 colori

Cenote Azul

La cenote Azul è l’unica cenote che non è integrata nella laguna, si trova appena fuori Bacalar e per arrivarci si può prendere un taxi per 45 pesos oppure affittare una bicicletta. L’ingresso alla cenote Azul è di 10 pesos. Purtroppo devo dire che a mio parere non è un granchè. Sembra un piccolo laghetto scuro circondato da una fitta vegetazione, ma niente di emozionante. Per di più l’acqua non era pulitissima quando ci sono stata io nell’aprile 2018, probabilmente colpa delle lozioni solari non biodegradabili, grande problema questo per la laguna, ma anche per tutte le cenote nello yucatan. Io ho avuto il dubbio che però non fosse solo colpa delle creme solari, ma essendoci un ristorante proprio a ridosso, ho il sospetto che potrebbero aver usato non proprio benissimo l’acqua della cenote o averci lasciato andare dentro qualcosa di strano. Non ho fatto il bagno anche se molte persone lo facevano sinceramente a me non ha invogliato per niente, quindi se volete avere una bellissima esperienza sulla laguna dei 7 colori, non venite alla cenote Azul, io la sconsiglio.

Pensando se fare il bagno o no alla cenote Azul

Creme solari biodegradabili

Sinceramente prima di scoprire le bellissime cenote del Messico e l’acqua turchese delle lagune non mi ero mai posta il problema della crema solare. Non avevo mai realizzato che la crema solare potesse in qualche modo essere un problema per l’ecosistema, per l’acqua e i pesci nel mare e ancora di piu non potevo immaginare che esistessero in commercio delle creme biodegradabili. Eppure è una realtà, e anche molto importante! Non è solo il rispetto verso il mare, il lago e le cenote, ma anche una protezione meno chimica per la propria pelle. E’ stato riscontrato che alcuni componenti chimici delle creme solari stavano uccidendo molti coralli e così Hawaii e Messico hanno bandito le normali e comuni creme solari.

E’ vietato (anche se poi la maggior parte dei turisti se ne frega) entrare nell’ acqua con la crema solare non biodegradabile e sarebbe piu opportuno fare una doccia prima di un bagno in una cenote.

A Bacalar si possono trovare creme biodegradabili a El Manati sulla Calle 22. E’ un posticino molto carino che fa ottime colazioni.

Le barche ormeggiate nel Canale dei Pirati
Valentina
Innamorata dell'Australia e della Thailandia. Allergica alla frutta secca. Mi piace viaggiare per lunghi periodi, con workaway o qualche lavoro a breve termine. Scrivo per ricordarmi le cose che faccio perchè ho una memoria orribile.

Leave a Response