Islanda

La Lindarbakki House – l’unica casa di torba ancora abitata in Islanda

Le turf house o case di torba in Islanda sono state introdotte dai Vichinghi e sono a tutti gli effetti uno dei primi esempi di bioedilizia nella storia dell’uomo. Il tetto e le pareti di torba funzionavano come isolante termico ed erano quindi perfette per i lunghi e gelidi mesi invernali. Le turf house sono quasi tutte ormai disabitate dagli anni ’60, tutte tranne una, la Lindarbakki House.

Dopo un oretta di viaggio da Egilsstadir arriviamo a Borgarfjörður-Eystri, è gennaio e il sole esce un pochino da dietro alle montagne, giusto per illuminare metà paese. L’ultimo tratto di strada è uno sterrato passo di montagna di non facilissima percorrenza in inverno, ma il paesaggio montano è fantastico. Scollinato il passo ci ritorviamo a costeggiare il mare. Questa zona è molto famosa d’estate perchè si possono avvistare le Pulcinelle di mare e un infinità di altri uccelli migratori.

La Lindarbakki House si trova nel centro del paese di Borgarfjörður-Eystri, una casetta piccolina fatta di torba, legno e cemento, con tutt’attorno un bel prato verde. Una bella casetta rossa con le finestre incorniciate di bianco, la porta di legno sopra alla quale spuntano due belle corna d’ alce. La casa è completamente avvolta da ciuffi d’erba che lasciano liberi solo finestre e porte.

La Lindarbakki House

La proprietaria, Elisabet Sveinsdóttir che acquistò la casa con suo marito nel 1979, è una signora ormai anziana che durante l’inverno vive a Reykjavík, ma durante l’estate viene a soggiornare in quella è che diventata la sua casa vacanze.

Alcuni abitanti del villaggio aiutano la signora con la cura della casa anche perchè immagino che non sia facile tagliare l’erba sul tetto! La nostra fortuna è stata proprio incontrare uno di loro che ci ha aperto la porta di casa, ci ha invitati a entrare e ci ha permesso di scattare un sacco di foto.

Questa foto di noi nel piccolo salottino l’ha scattata il gentile signore che ci ha aperto la casa.

L’interno della casa è adorabile, piccolina ma ben curata, ci sono vari piccoli oggetti, qualche vecchia foto, un bagno minuscolo e due poltroncine con stampa floreale. Ci sono così tante cose che sono riuscita a memorizzare solo l’insieme.

Sul tavolo da pranzo c’è un libro degli ospiti ben rilegato, con la copertina in legno, dove ovviamente abbiamo lasciato il nostro segno.

La camera da letto

Il signore molto gentile che ci ha aperto purtroppo non parlava inglese quindi ci siamo capiti poco, lui era venuto a staccare il babbo natale luminoso posizionato fuori in giardino e anche quello sul camino. Così abbiamo avuto quel tempo per sentirci un po ospiti di quella casa, immaginare come le persone vivevano nel passato e pensare alla vita che può passare Elisabet dentro una casa di torba, una vita lenta, fatta di semplici cose, con molti ricordi vivi e colorati.

la piccola cucina
La casa è veramente piena zeppa di oggetti appoggiati e appesi qua e là
Il piccolo letto
Insomma se passate di li in estate la casa merita sicuramente una visita anche perché ci hanno detto che la signora è veramente ospitale e simpatica!
Valentina
Innamorata dell'Australia e della Thailandia. Allergica alla frutta secca e intollerante a tante altre cose come alle persone maleducate. Mi piace viaggiare per lunghi periodi, con il volontariato o qualche lavoro a breve termine. Scrivo per ricordarmi le cose che faccio perchè ho una memoria orribile.

Leave a Response