Australia

Bill Bryson e il suo libro sull’Australia

IMG_1439Bill Bryson è uno dei più famosi scrittori di viaggio del nostro secolo, ha scritto numerosi libri e viaggiato molto in lungo e in largo. Un americano, padre di famiglia, che è riuscito a fare della sua passione un lavoro: viaggiare!
L’Australia ultimamente è presa d’assalto, la maggior parte dei giovani italiani nell’ ultimo periodo sta cercando un mondo nuovo dove espatriare, per avere una vita più dignitosa, un lavoro ben pagato, un futuro migliore, felicità, pace.

Io al momento sono in Australia, perchè faccio parte anch’ io del gruppo giovani italiani senza futuro in Italia. Quando torno a casa è sempre un emozione raccontare di questo paese meraviglioso e vedo chi mi ascolta molto interessato e a volte incredulo nel sentire certe storie.

Bryson racconta quanto sia interessante l’Australia.
Un mondo nuovo, dove almeno un terzo di quello che si trova qui non è mai stato studiato, o addirittura scoperto!
Vogliamo parlare degli animali? L’Australia è il continente con il maggior numero di animali pericolosi e spesso fatali. Meduse cubo, coccodrilli d’acqua salata, ragni di ogni tipo, squali, serpenti.
Però è anche il paese di quei simpatici koala che passano la maggior parte del tempo sugli alberi di eucalipto a mangiarne le foglie, o i canguri, i grossi marsupiali salterini. Impossibile uscire fuori dalla città con la macchina di notte, sono attirati dai fanali delle macchine e senza pensarci due volte ti vengono incontro e le cose che possono succedere sono soltanto due: o tirate dritto, lo investite, e poi potete buttare la macchina, oppure sterzate, nella speranza che non ci sia un albero gigante che poi immancabilmente c’è.
I pericoli in Australia sono completamente diversi dai nostri pericoli europei!

Bryson vi racconta anche quanto piace agli australiani essere megalomani e come amino costruire cose grandi con la forma di altre cose. Nel mezzo del nulla nel deserto potreste trovare caffè o negozi di souvenir con di fianco un aragosta gigante grossa almeno quanto il negozio! oppure un Gran Gamberetto, o un Gran Koala, o un Ostrica, o un Arancia. Come se avessero paura che le macchine passando non si accorgessero dell unica costruzione a distanza di 200 km dal altra, per dire.

Conosci l’Australia, solo se ci vai, è quando ci esci non ne sai piu niente.
E’ un continente a sè. Che vive per sè. E vive bene con i suoi 23 milioni di abitanti (solo l’Italia ne ha 60 milioni).

Lo scrittore narra anche la sua storia, se di storia possiamo parlare visto che è un continente praticamente nuovo, racconta della sua scoperta, dei poveri aborigeni che la occupavano, uccisi solo per il gusto di farlo. Come ci sono arrivati queste popolazioni nella terra dei canguri? loro, sono i primi ad averla scoperta, ma non c è nessuna traccia che provi ciò. Maltrattati ed emarginati, ora sono una popolazione che ancora esiste, ma che occupa un piccolo territorio. Alcuni aborigeni si vedono anche nelle città, non lavorano e sono sempre ubriachi, sniffano colle e qualsiasi cosa porti loro dello sballo.

Bryson racconto tutto ciò e molto altro spesso con ironia, a volte, a mio avviso, con un po troppa storia… cerca disperatamente storia dove non ce nè. Ma è un buon libro sull’Australia e noi che ci siamo stati, possiamo dire, si, è proprio lei.

Un libro che si fa leggere.

Valentina
Innamorata dell'Australia, della Thailandia e del Canada. Allergica alla frutta secca. Amo i viaggi zaino in spalla, quando viaggio sola mi sposto con Workaway o cerco qualche lavoro a breve termine. Sono Travel Coordinator con Weroad. Scrivo per ricordarmi le cose che faccio perchè ho una memoria orribile!

Leave a Response