Incredibilmente sono arriva a 60 giorni senza shampoo! Innanzitutto prima di storcere il naso e pensare subito “che schifo” potete farvi un idea di come mai ho iniziato a fare questo esperimento.

Non mi sento sola in questo processo di eliminazione di prodotti chimici, ho scoperto che intorno al 2015 tantissimi vip hanno deciso di seguire questo movimento, ognuno a modo suo, dal principino William che ha ammesso di lavarsi i capelli solo con acqua da anni, Jennifer Aniston pare usi solo prodotti naturali, Adele usa solo acqua e bicarbonato, altri adoperano solo lo shampoo secco una volta a settimana e altri ancora utilizzano prodotti naturali solo 2 o 3 volte al mese. Tra i volti più noti troviamo anche Brad Pitt, Johnny Deep e Gwynth Paltrow.

Insomma, se lo fanno loro fa fico, se lo faccio io fa schifo?

Mi avete sostenuto in tanti, alcuni di voi hanno espresso i loro dubbi, altri hanno seguito interessati l’esperimento, qualcuno è già anche passato all’azione!

Ho scoperto che molti di voi lavano i capelli solo con acqua già da anni, anche se è sicuramente un movimento più praticato dal sesso maschile che da quello femminile. E’ più facile che un uomo vada sotto la doccia tutti i giorni senza badare troppo ai capelli, mentre una donna può stare sotto la doccia anche un ora, tra shampoo, balsamo e lamette.

Come mi è venuta l’idea?

In Canada ho vissuto per un paio di mesi con un ragazzo giappo-canadese molto simpatico. Con Taka facevo lunghi discorsi, la sera, seduti sul divano. Un giorno gli ho detto che aveva dei capelli stupendi, erano lunghi, spessi, di un nero lucente. Lui mi ha confidato che erano ormai un paio di anni che li lavava solo con l’ acqua.

Non potevo crederci, erano bellissimi!

Mi sono ricordata di averci provato anch’io, una volta, a non lavare i capelli con lo shampoo per una decina di giorni, ma vivendo in città e dovendo risultare presentabile a lavoro, avevo dovuto lasciar perdere perché dopo 10 giorni i miei capelli facevano schifo, erano troppo unti e appiccicosi.
Lui mi ha risposto che è normale per il primo mese e che avrei dovuto semplicemente mettermi un cappello o legarli.

La faceva molto semplice…

Avevo sempre letto su internet di molte persone soddisfatte dopo aver eliminato completamente lo shampoo dalla propria vita, ma non ne avevo mai conosciuta una! E così ho toccato con mano la realtà della situazione. Non ho mai visto Taka con i capelli sporchi per tutti i due mesi che ha vissuto con me.

Mi ha detto anche, però, che a volte deve usare un po di bicarbonato, ma solo se ne ha davvero bisogno, di solito quando vive in città molto piene di smog o i capelli per qualche motivo gli diventano più grassi del solito.

Lavare i capelli senza shampoo: i motivi di questa scelta

Ci sono diversi motivi che mi hanno portata a valutare l’ipotesi che lavare i capelli senza shampoo potesse portare solo benefici:

  • COMODITA’: Sono sempre stata una ragazza che non si faceva poi molti problemi a uscire di casa senza trucco e con le occhiaie fino alle ginocchia. Non sono mai stata una da cremina da notte e cremina da giorno, finirebbero nel dimenticatoio. Per quanto riguarda i capelli, la maggior parte delle volte non vengono mai pettinati, come mi sveglio la mattina, rimangono fino a sera.

Lavare i capelli solo con acqua comporta due tipi di comodità:

-La prima è che in doccia non ci sto più 45 minuti tra shampoo, balsamo, i mille capelli che si perdono e rimangono appiccicati al corpo, lo scarico che si intasa.

-La seconda è che durante ogni viaggio shampoo e balsamo occupano un piccolo, ma abbastanza grande spazio da essere utilizzato per portarsi qualcos’altro. Magari qualcosa di più utile. E poi se non porto lo shampoo non ho neanche il rischio che mi si apra il flacone nello zaino tra uno spostamento e l’altro.

  • RISPARMIO: Qualsiasi prodotto si possa non comprare da una multinazionale è già un gran risparmio.
  • SALUTE: Non sai davvero mai cosa contengono gli shampoo di oggi. Si, potrei provare degli shampoo naturali, ma a quel punto non ci sarebbe più l’effetto risparmio e neanche la comodità di avere del peso in meno. Io mi sono accorta che più lavavo i capelli, più questi risultavano sporchi già il secondo giorno. In tutto questo c’è qualcosa di poco sano.

Quando è nato lo shampoo?

Innanzitutto credo che ci sia da chiarire che lo shampoo nel flacone è nato dopo l’uomo, precisamente nel 1930. In realtà già nella seconda metà del 1700 un signore indiano aveva importato in Inghilterra quello che credo adesso si possa chiamare salone da parrucchiere.

A quei tempi faceva il parrucchiere nei bagni pubblici e lavava i capelli dei borghesi bollendo del sapone con qualche erba profumata. Tutta la storia, spiegata molto meglio la potete trovare su Wikipedia.

Incredibile vero?

Pensare che lo shampoo è nato insieme alle industrie, insieme a tutte quelle invenzioni e prodotti che la società ha deciso di imporci. Casualmente è nato insieme a tutte quelle pubblicità che ti fanno credere di averne assolutamente bisogno.

Come faceva la gente prima dello shampoo?

Se lo shampoo è nato neanche 100 anni fa, vuol dire che la gente ha vissuto senza per migliaia di anni.

E come erano i loro capelli?

Neanche internet ci darà questa risposta, ma ho provato a informarmi da mia zia, nata prima dello shampoo, racconta che quand’era piccola sua mamma ogni più o meno 15 giorni le lavava i capelli col sapone neutro oppure si raccoglievano le ortiche e si facevano bollire nell’acqua e poi si usava quell’acqua per lavare i capelli. Si ricorda che erano belli, morbidi e lucidi.

Non aveva bisogno di lavarli ogni due giorni. Ha continuato a lavarli non troppo spesso, anche dopo l’invenzione dello shampoo e infatti i suoi capelli sono belli anche dopo una settimana dall’ultimo lavaggio. Probabilmente il suo sebo è rimasto regolato così.

Come facevano 300 anni fa non ve lo so dire. Ma se fosse tutta una questione di tempistiche? Se gli shampoo di oggi siano fatti apposta per sporcare di più i capelli in modo da dover usare più shampoo e quindi più prodotto pesando sul portafoglio? Non mi stupirei.

Non solo Taka, ma anche gli altri giapponesi che lavoravano con me non usavano neanche il bagnoschiuma. Avevano tutti un unico sapone neutro della Dove e lavavano il loro corpo con quello. Io credo di aver sempre usato il docciaschiuma ai profumi più incredibili, ma in realtà fanno bene loro, anche nei docciaschiuma il problema è lo stesso degli shampoo.

Rimane comunque incredibile da pensare che l’evoluzione dell’uomo sia arrivata ad aver bisogno di prodotti chimici per migliorare la qualità della sua vita. E’ davvero così oppure quest’era del consumismo ci sta rovinando completamente?

Come agiscono gli shampoo?

Lo shampoo serve a rimuovere il sebo dai capelli, il sebo è una sostanza grassa composta prevalentemente da colesterolo e acidi grassi, sostanze che dovrebbero lubrificare e ammorbidire i capelli. Il sebo è soggettivo e diverso in ognuno di noi.

I capelli di Taka, essendo asiatico, lavati solo con acqua avranno una risposta diversa dai miei, europea di pelle verde pallida. Chi vive in paesi freddi avrà un sebo più abbondante di chi vive in paesi caldi.

Lo shampoo per essere un buon prodotto deve avere delle caratteristiche importanti, per esempio non deve essere troppo schiumoso e portare via tutto il sebo dai capelli, ma solo l’eccesso e lo sporco.

Ma se il nostro corpo produce questo sebo, a qualcosa servirà, no? Perchè noi vogliamo eliminarlo completamente con l’aiuto di agenti chimici?

Esistono prodotti naturali

Si è vero, ne esistono un sacco, ci sono gli shampoo bio, quelli vegani, una volta ne ho anche provato uno e non era niente male. Non è comunque questo il post, ne il momento per provare anche quelli.

E poi ci sono tutti quei rimedi casalinghi tramandati di generazione in generazione. Tra tutti nell’esperimento ho provato il bicarbonato.

Il bicarbonato di sodio sembra a tratti miracoloso, pare faccia bene ai capelli eliminando il grasso in eccesso, alla pelle eliminando le cellule morte e combatterebbe anche l’acne e i punti neri.

Come sono i miei capelli?

Il mio capello è bello grosso, liscio, quasi uno spaghetto. Non ho mai bisogno di una piastra o di lisciarlo con una spazzola. La mia chioma è folta, ho talmente tanti capelli che a volte mi devo rasare la parte sotto d’estate perchè ho troppo caldo.

I miei capelli sono grassi, lo sono sempre stati, ma anche un po rovinati per le continue tinte che subiscono da metà capello in giù. Ho il problema delle doppie punte e ogni tanto le elimino tagliando di due o tre dita la lunghezza.

Lavare i capelli senza shampoo: inizio dell’esperimento

Ora che sono in Islanda per 3 mesi e posso permettermi di tenere il cappello di lana ogni volta che esco, voglio provare a vedere se lavare i capelli solo con acqua funziona anche su di me. Il cappello serve nel caso i miei capelli risultassero davvero unti e inaccettabili alla società odierna.

Il 22 Novembre 2017 è l’ultima volta che mi sono lavata i capelli con lo shampoo.

Nei giorni a seguire ho lavato i miei capelli più o meno un giorno si e uno no, entravo in doccia e frizionavo i capelli sotto l’acqua corrente come se li stessi lavando con lo shampoo. La sensazione è strana quando è il momento di asciugarli, sono più pesanti e mi sembra anche che facciano più fatica ad asciugarsi. Con una mano tengo il phone e con l’altra mi passo la mano nei capelli umidi e i miei polpastrelli rimangono un po grassi, il sebo probabilmente sta facendo festa come non ha mai potuto farla in 33 anni di vita.

Dopo 12 giorni la situazione non era poi così male, ma neanche fantastica.

io che tengo in braccio un vopino di pomerania e mostro i miei capelli al 12 giorno senza shampoo
I miei capelli al 12° giorno

I capelli lavati solo con acqua risultavano spenti e pesanti. A vista non si poteva dire certo che erano soffici e vaporosi, piuttosto che avrebbero dovuto avere presto una lavata. Sembravano i capelli che si hanno dopo 2/3 giorni dopo un lavaggio normale con lo shampoo, invece erano passati 12 giorni! Per questo mi viene da dire che non erano poi così male. Giudicate voi dalla foto qui sopra fatta il dodicesimo giorno.

Ho letto che a volte ci vogliono anche 3 mesi prima che il sebo torni al suo normale equilibrio. Ovviamente per ogni persona sarà diverso, ognuno ha delle caratteristiche differenti e una produzione di sebo differente.

Lavare i capelli senza shampoo: e dopo il dodicesimo giorno?

Dopo il dodicesimo giorno, visto che la situazione sembrava peggiorare, ho deciso di sperimentare qualcosa di nuovo. Provando così ad usare il bicarbonato di sodio.

Ne metto un cucchiaino in una tazza piena di acqua tiepida. e dopo essermi sfregata un po i capelli con l’acqua, verso la tazza in testa in più punti, sulla cute, evitando di metterlo sulla lunghezza (anche se ovviamente un po ci arriva) e massaggio. Poi risciacquo.
Ho sentito subito i capelli stridermi tra le mani.

Dopo averli asciugati con il phone mi sono accorta che erano diventati più soffici, al tatto puliti, e non puzzavano, come qualcuno potrebbe sospettare. Di certo non hanno profumo, ma sono puliti.

Questo bicarbonato sembrerebbe davvero faccia un ottimo lavoro, non so però cosa possa succedere usandolo per un lungo periodo. Non ho trovato controindicazioni al momento. I capelli sono rimasti puliti e vaporosi molto più a lungo, hanno iniziato a sporcarsi al quinto giorno.

Così dopo 23 giorni dall’inizio dell’esperimento ho deciso di lavarli ancora una volta col bicarbonato. Il risultato è stato uguale alla prima volta. In più mi è sembrato di percepire una perdita minore di capelli.

differenza dei miei capelli al 23° giorno
I miei capelli al 23° giorno prima (sinistra) e dopo (destra) il lavaggio

Ci sono due cose che dovrei fare:

  • Dopo aver lavato i capelli col bicarbonato, la maggior parte delle persone utilizza dell’aceto che renderebbe i capelli più lucenti, e mi sembra anche che Taka me ne avesse parlato. Ma sinceramente non andrò a comprare qui in Islanda l’aceto solo per usarne una piccola quantità sui capelli.
  • Bisognerebbe spazzolare giornalmente i capelli con una spazzola per distribuire il sebo su tutte le punte. Io sto usando un pettine di gomma comprato in Thailandia. Potrebbe essere un giusto compromesso al momento.

 

Arrivata a 30 giorni senza shampoo!

io mostro i miei capelli con la mappa del mondo sullo sfondo
I miei capelli al 30° giorno

Sono viva, e i miei capelli confronto all’inizio sono migliorati parecchio!! Oggi ho dei capelli presentabili, non per il gran galà, ma al tatto non sono unti e appiccicosi. E alla vista sembrano anche un po voluminosi.

C’è ancora da lavorare, ma vedo un miglioramento! Forse il mio sebo non ha avuto ancora il tempo di stabilizzarsi del tutto, forse si sta ancora sfogando perchè è incazzato nero.

In più, vivendo in un paese freddo potrebbe volerci più tempo visto che il cuoio capelluto produce più sebo per proteggere il capello.

Come è stato il secondo mese senza shampoo?

Questo secondo mese è stato molto meno impegnativo del primo.

Verso il 40° giorno mi sono lavata i capelli come al solito sotto la doccia e asciugandoli mi sono accorta che non erano per niente male! Avevano addirittura ricominciato a prendere volume. Come se da un giorno all’altro il sebo avesse deciso di smetterla di infestare la mia testa con produzioni folli. Tutto si è riassettato in un qualche equilibrio strano.

Se si continua a bombardare la testa di shampoo, il cuoio capelluto continuerà a produrre più sebo del necessario, ma calando i ritmi e iniziando a usare lo shampoo con meno frequenza, i capelli si ungeranno meno.

Ad avere dei capelli presentabili ci ho messo una quarantina di giorni. Ma per ogni persona è diverso, chi ha i capelli più fini, chi li ha grassi, chi ricci e chi lisci. Pare che i capelli ricci facciano meno fatica a trovare un loro equilibrio senza l’uso dello shampoo confronto ai capelli lisci che si sporcano più in fretta.

Una foto di me senza shampoo da 2 mesi
Io e i miei capelli senza shampoo da 2 mesi

Tutto ha un senso logico, no?

Se ti lavi i capelli tutti i giorni con lo shampoo rimuovi tutte le volte tutto il sebo. Le ghiandole ogni giorno saranno sempre più incazzate e produrranno più olio che inonderà i tuoi capelli e li renderà unti in pochissimo tempo. Ti sarà capitato qualche volta di vedere i tuoi capelli orribili il giorno dopo averli lavati, lo so, perchè è capitato un sacco di volte anche a me.

Non sono qui a scrivere con lo scopo di convertire qualcuno al No Shampoo, è solo un mio esperimento che condivido con voi.

Alla fine del primo mese non ero quasi più convinta neanche io, ci sono stati dei giorni che i capelli erano davvero sporchi e inguardabili, ma con il bicarbonato sono tornati a splendere nuovamente.

Se non lavi i capelli con lo shampoo ti si possono attaccare i pidocchi?

Ecco, questo è un falso mito diffusissimo! I pidocchi non attaccano i capelli sporchi, ma anzi, tendono a nidificare sui capelli puliti perchè più il capello è pulito più gli è facile attaccarcisi.

Purtroppo mi è capitato di prenderli e vi assicuro che i miei capelli erano sempre belli puliti. Si sa che i bambini sono i più grandi portatori di pidocchi e immagino che molte mamme che stanno leggendo ne abbiano avuto a che fare.

E infatti è proprio da uno di loro che li ho avuti in dono, mentre facevo l’Au Pair in una famiglia a Sydney in Australia. Siamo stati tutti aggrediti ed è stata una grande guerra, finita con la nostra vittoria e nessuno si è dovuto tagliare i capelli a zero.

Quindi, se volete provare a lavare i capelli solo con acqua, questa dei pidocchi è proprio l’ultima cosa di cui dovete preoccuparvi!

Io e i miei capelli lavati solo con acqua per 60 giorni
Io che penso che forse dovrei almeno pettinarmi ogni tanto

Scopri di più: Eliminare lo shampoo dalla propria vita si può: loro lo hanno fatto!

 

Come lavo i miei capelli sotto la doccia?

Per prima cosa, prima di entrare in doccia, li pettino con un pettine, ma anche una spazzola va benissimo. Ho i capelli lunghi e se non lo faccio rischio di avere un sacco di nodi quando esco dalla doccia, visto che non uso più neanche il balsamo.

In realtà pettinare i capelli bisognerebbe farlo molto spesso, si aiuta il sebo a distribuirsi su tutta la lunghezza del capello e in un certo senso funge da balsamo naturale. In realtà io sono molto pigra e mi pettino solo prima di entrare in doccia.

Una volta che i miei capelli sono sotto l’acqua inizio a massaggiare la cute con i polpastrelli. Lo faccio come se mi stessi lavando con lo shampoo, frego e gratto per 5 minuti. La lunghezza invece quasi non la tocco, lascio che l’acqua ci scivoli sopra.

Ho riscontrato che perdo sicuramente meno capelli di prima. Sul pettine che passo prima di ogni doccia ci sono davvero pochissimi capelli, confronto alle ciocche che perdevo quando mi pettinavo in doccia dopo aver messo il balsamo. I capelli sembrano più selvaggi e naturali.

 

E cos’è successo dopo 45 giorni?

Lavavo i capelli tutti i giorni, ogni volta che entravo in doccia, poi dopo 45 giorni dall’inizio dell’esperimento sono dovuta stare in casa senza mai uscire perchè la bufera qui in Islanda non sembrava placarsi, così ho provato a passare 4 giorni di fila senza lavarmi i capelli.

La situazione è peggiorata, quando li ho lavati dopo il quarto giorno non ho ritrovato i bei capelli che avevo lasciato, ma erano un po più pesanti e sembravano, anche dopo la doccia, ancora un po unti.

Così il giorno dopo ho deciso di rilavarli. E fortunatamente sono tornati puliti e più leggeri.

 

Cosa aspettarsi dopo 60 giorni senza shampoo?

Non aspettatevi che i vostri capelli al tatto siano uguali a come quando li lavate con lo shampoo. Non stridono sotto la doccia e toccandoli con le mani li sentirete un po “cremosi”. Detto così non è fantastico, lo so, ma non da fastidio.

Ovviamente il sebo non viene lavato via completamente e quindi si distribuisce uniformemente sul capello, quel giusto che basta. Alla vista sono belli, vi ho allegato qualche foto che ho fatto ieri. I miei capelli sono comunque voluminosi e sani.

i miei capelli lavati senza shampoo dopo 2 mesi
Io, i miei capelli e un po di neve che sta iniziando a scendere

Conclusioni

Innanzitutto sono soddisfatta di questo esperimento, lavarsi i capelli solo con acqua è assolutamente possibile, quindi direi che l’esperimento è riuscito. Non ho intenzione di abbandonare al momento, ma devo ammettere che avendo i capelli lunghi fino a metà schiena è davvero noioso e faticoso doverli lavare tutti i giorni. Se avessi i capelli più corti non avrei problemi, questo mi fa capire anche come mai ci sono molti più uomini che lavano i capelli solo con acqua, piuttosto che le donne.

Bisogna anche dire che l’esperimento è stato fatto in un luogo dove l’inquinamento è quasi nullo, ovvero sullo sperduto fiordo dell’Islanda dove mi trovo al momento. Se abitassi in una grande città probabilmente non sarebbe fattibile utilizzare sempre solo l’acqua a causa dell’inquinamento.

Bisogna anche dire che il tempo qua è troppo freddo, mentre al contrario suppongo che se vivessi al mare, in un posto caldo, sarebbe sicuramente più facile.

un ultima foto immersa nella neve
Ultima foto prima di tornare in casa

 

UPDATE: L’esperimento veniva fatto in contemporanea anche da Claudio che viveva con me in Islanda. Lui ancora oggi non l’ha terminato e ormai sono più di 2 anni che lava i capelli senza shampoo.

Qui di seguito la sua esperienza.

2 anni senza shampoo – Come va dopo 2 anni? 

Per quel che mi ricordo ci è voluto circa un anno prima che la situazione si stabilizzasse sul serio, ma già dopo 6 mesi l’idea di tornare ad usare lo shampoo era completamente uscita dalla mia testa.

Ricordo che nell’estate del primo anno senza shampoo, quindi intorno ai primi 5 mesi senza, ho pensato per l’ultima volta allo shampoo e ho acquistato un prodotto completamente biologico a base di cocco in un negozio nella mia città.

L’ho usato una sola volta, ricordo la sensazione sgradevole sul cuoio capelluto, ricordo anche di aver sentito i capelli lievemente appiccicosi dopo la doccia, e ricordo di aver buttato lo shampoo poco dopo. Quello è stato il mio ultimo incontro con uno Shampoo.

Dopo circa 8/12 mesi i miei capelli si sono stabilizzati, e ho smesso anche di usare il bicarbonato.

lavare i capelli senza shampoo ragazzo capelli lucenti belli
I miei capelli. Io non mi pettino, spesso non li asciugo e vivo perennemente con la cuffia di lana in testa per via del posto in cui vivo. Ma trovo molto più semplice non curarli da quando non uso prodotti. Probabilmente perchè sono più forti e quindi più resistenti alla mia noncuranza!

Perché continuo a farlo – Benefici

Sinceramente, dopo 2 anni senza shampoo ormai non ci penso neanche più, mi lavo i capelli con l’acqua, e il corpo con una saponetta naturale. Continuo a farlo perché non ho nessun motivo per aggiungere qualcosa al mio processo di lavaggio dei capelli.

Da più di un anno a questa parte i miei capelli sono praticamente sempre uguali, e questo, anche se può sembrare una cosa strana, è il più grande beneficio che mi viene in mente. Subiscono pochissime variazioni tra prima e dopo il lavaggio. Non si gonfiano come accadeva prima dopo il lavaggio e tendenzialmente non si ungono dopo pochi giorni che non li lavo.

Se volessi oggi potrei non lavare i miei capelli anche per più di una settimana, magari sono sporchi, ma non sono mai unti o grassi come invece sarebbero stati un tempo. I miei capelli hanno sempre lo stesso odore, un lieve profumo neutro. Inoltre io sono sempre lo stesso, quindi, esattamente come prima, non li curo assolutamente in nessun modo e raramente li pettino.

Nonostante questo i miei capelli tendono ad annodarsi molto di meno rispetto a prima, quando al contrario si annodavano spesso. Oltre a tutto questo ci aggiungo i benefici per l’ambiente, il mio portafoglio, e anche per il mio spazio vitale nello zaino quando viaggio.

Consigli

Non ho molti consigli da dare. Non ci sono segreti e non uso nessuna tecnica particolare ne tanto meno prodotti o erbe naturali. Lavo semplicemente i capelli sotto l’acqua.

L’unico consiglio che posso dare se si vuole intraprendere questa avventura è quello di lavare i capelli come se si usasse lo shampoo.

Inizialmente si tende magari a lavarsi molto più velocemente (ovviamente ci vorrà sempre meno tempo senza prodotti). Ecco, invece fate come se lo shampoo lo metteste. Nel senso, strofinate il cuoio capelluto, passate le mani tra i capelli e strofinateli un po.

Insomma, anche se solo con l’acqua prendetevi un paio di minuti e lavateli con cura.