Thailandia

Songkran in Thailandia – Il festival dell’acqua piu divertente al mondo

Il Songkran è uno degli eventi più famosi della Thailandia. Il nome Songkran deriva da una parola sanscrita che significa “passaggio” o “avvicinamento” ed è importante nel calendario buddista perchè segna l’inizio del tradizionale capodanno thailandese. Quando il sole lascia il segno dei pesci ed entra in quello dell’ariete. Di solito inizia il 13 aprile e termina il 15 aprile di ogni anno. Tra l’altro sapete che quest’anno i thailandesi entrano nell’anno 2562, vero? Ma questo ve lo racconterò un altra volta!

Il Songkran non è solo sentito in Thailandia, ma in tutti i paesi buddisti come la Birmania o il Laos, ma anche in alcune zone dell’India o in Cina. In Thailandia è però festeggiato piu che in altri Paesi, diventando un vero e proprio festival dell’acqua.

Noi abbiamo partecipato al Songkran nel 2014 quando abbiamo vissuto per un mese nel nord della Thailandia in un piccolo paesino sopra Chiang Mai, dal corto nome di Pai. Il capodanno buddista è sicuramente festeggiato in tutto il Paese, ma ci sono città dove è particolarmente sentito e diventa un divertimento puro no stop per 3 giorni, a volte anche 4.

Pai in quei giorni era particolarmente meno affollata del solito, qualche ragazzino si divertiva a passare in motorino schizzando i passanti con la sua pistola carica d’acqua. Ma il vero cuore dela festa si stava svolgendo a Chiang Mai, la città migliore per festeggiarte il Songkran. Adoro questa città, circondata da canali e con l’aria un po più fresca.

Ma andiamo con ordine.

Come si festeggia il Songkran nelle case dei Thailandesi?

Sicuramente questa è una festività molto apprezzata e sentita da tutto il popolo Thailandese che approfitta di questi giorni di festa per tornare a casa dalla famiglia perchè gli uffici e tutte le attività chiudono per questi giorni di festa!

Durante il primo giorno del Songkran, Wan Sungkham Long, si iniziano le pulizie della casa, insieme alla famiglia ci si reca nei templi a pregare e portare delle offerte. Questo è il giorno che segna la fine dell’anno. Come se fosse il nostro 31 dicembre.

Il secondo giorno si celebra il Wan Nao uno dei rituali più formali di tutto il Songkran. “Nao” significa “risiedere” e in questo caso sta ad indicare che il sole il giorno prima è entrato nel segno dell’ariete e durante il secondo giorno si è fermato in quel segno. Molti buddisti si recano nei loro templi portando secchi di sabbia che vengono raccolti per costruire sabbia chedis (una specie di castello di sabbia), o santuari che verranno successivamente decorati.

Il terzo giorno, Wan Payawan, rappresenta il primo giorno ufficiale del nuovo anno, quando vengono fatte le offerte e le statue del Buddha vengono lavate con acqua profumata al gelsomino. L’acqua è una parte importante del festival. Simboleggia la purificazione, la pulizia dell’anima e la liberazione dalla sfortuna. Viene versata sulle immagini del Buddha, sulle mani dei monaci buddisti e sugli anziani come segno di rispetto e per lavare via il karma cattivo.

Come si festeggia il Songkran nelle strade?

Il Songkran negli anni si è evoluto in una frenetica lotta acquatica nella quale vengono utilizzati migliaia di litri d’acqua ogni anno. Le strade sono piene di persone armate di colorate pistole d’acqua, i pick up sono attrezzati con barili pieni d’acqua e secchielli, anche a terra non mancano. Qualche thailandese passa nelle strade vendendo blocchi di ghiaccio da buttar nelle botti così da regalare secchiate di doccie ghiacciate ai passanti.

Nessuno è immune dai festeggiamenti, è impossibile non rimanere bagnati durante questi 3 giorni di Songkran! È un’enorme battaglia d’acqua dove tutti vincono.

Vi assicuro che è davvero divertente, in questo periodo per di più fa davvero caldo e rimanere bagnati tutto il giorno è decisamente piacevole. Vi capiterà di vedere anche qualcuno con una specie di crema bianca in faccia. Non è la protezione solare (anche se non sarebbe male continuar a spalmarsela per tutto il giorno), ma è talco mischiato con l’acqua che viene utilizzato come tradizione su viso e corpo. Può capitare che qualche thailandese passando ve ne metta un po in faccia. Sta ad indicare i vostri peccati, che vengono poi lavati via dagli schizzi d’acqua. Bisogna cercare solo di non farlo entrare negli occhi.

IMG_1449

Come sopravvivere al Songkran?

  1. Non lamentarti o irritarti quando sarai tutto zuppo e fradicio. Goditi il Songkran per quello che è. Dall’alba fino al tramonto, questo vuol dire che fino alle 18 tutto è lecito. E non ti salverai neanche salendo su un taxi. Potresti venire bagnato quando meno te lo aspetti!
  2. Indossa dei vistiti vecchi o che non ami particolarmente, si è solo acqua, ma a volte non è particolarmente pulita. A Chiang Mai per esempio è facile che venga presa l’acqua dal fiume che gira intorno alla città che vi assicuro non ha un bel colore. Io indossavo le infradito di plastica, ma vi consiglio di indossare ai piedi qualcosa di meno scivoloso e di evitare di correre.
  3. Tieni la bocca chiusa, sempre per lo stesso discorso dell’acqua sporca che non sai mai da dove può arrivare.
  4. Lascia a casa il  motorino e preparati a camminare molto. Non è sicuro girare in motorino, tutto è troppo bagnato ed è facile rimanere incastrati in un imboscata di gavettoni o secchiate d’acqua. Meglio girare a piedi o prendere un tuk tuk se si vuole spruzzare i passanti senza essere presi.
  5. Compra una bella pistola d’acqua, sarà divertente usarla! 7/11 e Tesco vendono un’ampia selezione di pistole ad acqua. Ma in quesi giorni le puoi trovare un po dappertutto. I prezzi variano da 100 a 500 Baht. Io ne sceglierei una che abbia una buon serbatoio per non doverla ricaricare ogni secondo.
  6. Ricordati di comprare anche delle borse impermeabili per la tua attrezzatura fotografica e il cellulare.
  7. Ricordati di rispettare la cultura locale e non spruzzare acqua su persone anziane, monaci e genitori con bambini molto piccoli. Non mancare di rispetto ai ritratti del Re o alle immagini del Buddha.

Dove si può festeggiare il Songkran in Thailandia?

Chiang Mai

Secondo me la città dove si la celebrazione del Songkran viene festeggiata nel modo migliore. Il via alla cerimonia viene dato da una processione che richiama moltissime persone.  Non possono poi mancare i banchetti con cibo di strada, gli eventi culturali e spettacoli tradizionali. La maggior parte delle persone che partecipano alla festa dell’acqua si trovano principalmente in in Tha Pea Gate che è il punto centrale della città. Anche nelle viette della città può essere interessante fare un giro, i thailandesi nei locali si divertono a spruzzare d’acqua i turisti mentre camminano.

Bangkok

Qui la cerimonia ufficiale di apertura si svolge a Wat Pho, uno dei più importanti templi di tutta la Thailandia e sede di uno spettacolare e gigantesco Budda placcato oro. Sicuramente festeggiare nella capitale sarà molto eccitante per la miriade di persone provenienti da ogni parte del mondo. Khao San Road, Silom Road e Siam Square saranno le zone piu “bagnate”

Ayutthayae altre zone della Thailandia

Ad Ayutthayae il festival si svolge nello storico parco Viharn Phra Mongkon Bophit.

Ma in generale il Songkran in Thailandia viene festeggiato dappertutto, in alcune città piu che in altre che magari sono piu rurali e piu tranquille. A Patong per esempio la festa continua per tutta la notte.

Valentina
Innamorata dell'Australia e della Thailandia. Allergica alla frutta secca. Mi piace viaggiare per lunghi periodi, con workaway o qualche lavoro a breve termine. Scrivo per ricordarmi le cose che faccio perchè ho una memoria orribile.

4 commenti

  1. Avevo letto qualcosa riguardo il Songkran in Thailandia ma voi avete dato informazioni utili e precise che non conoscevo. Mi piacerebbe molto celebrarlo ma non so se avrei pensato alla possibilità dell’ acqua sporca. Adesso sono curiosa di sapere in quale zona dell’India viene celebrato, corro subito a informarmi, mi avete dato un imput. 🙂

Leave a Response